X
News - Contec Industry

Attrezzature a pressione: revisione di norme UNI in vigore e proposte di nuovi lavori

La commissione CT 223 “Esercizio e dispositivi di protezione delle installazioni a pressione” del Comitato Termotecnico Italiano (CTI), ente federato all'UNI, che si occupa di attività normativa ed unificatrice nei vari settori della termotecnica, sarà impegnata nei prossimi mesi nell’elaborazione di diversi progetti. Gli ambiti di intervento dei 4 gruppi di lavoro saranno: Valvole di sicurezza e dispositivi di protezione Generatori di vapore e/o acqua surriscaldata Conserv...

> Leggi tutto

Attrezzature a pressione: revisione di norme UNI in vigore e proposte di nuovi lavori

La commissione CT 223 “Esercizio e dispositivi di protezione delle installazioni a pressione” del Comitato Termotecnico Italiano (CTI), ente federato all’UNI, che si occupa di attività normativa ed unificatrice nei vari settori della termotecnica, sarà impegnata nei prossimi mesi nell’elaborazione di diversi progetti.

Gli ambiti di intervento dei 4 gruppi di lavoro saranno:

  • Valvole di sicurezza e dispositivi di protezione
  • Generatori di vapore e/o acqua surriscaldata
  • Conservazione ed efficienza delle tubazioni e dei recipienti in esercizio
  • Monitoraggio dei parametri di esercizio di attrezzature a pressione

I progetti sulle attrezzature a pressione

 

Gruppo di lavoro misto CTI/UNI Dispositivi di protezione contro le sovrapressioni

Nuova norma UNI “Prove di tipo per la valutazione delle prestazioni delle valvole di sicurezza per la protezione contro le sovrapressioni

 

Revisione UNI 10197:1993Banchi di taratura per valvole di sicurezza. Requisiti generali

 

Revisione UNI 10198:1993Banchi di prova di rottura a temperatura ambiente dei dispositivi a frattura prestabilita (dischi di rottura). Requisiti generali

 

Revisione UNI 11513:2013Verifica in esercizio della taratura valvole di sicurezza mediante martinetti

 

Gruppo di lavoro Esercizio dei generatori di vapore e/o acqua surriscaldata

Nuova norma: “Valutazione dello stato di conservazione ed efficienza dei generatori di vapore in esercizio ai fini delle verifiche periodiche

 

Gruppo di lavoro Esercizio e verifiche attrezzature/insiemi a pressione

 

Revisione UNI/TS 11325-1:2009Attrezzature a pressione – Messa in servizio ed utilizzazione delle attrezzature e degli insiemi a pressione Parte 1: Valutazione dello stato di conservazione ed efficienza delle tubazioni in esercizio ai fini delle verifiche periodiche

 

Nuova norma “Valutazione dello stato di conservazione ed efficienza dei recipienti in esercizio ai fini delle verifiche periodiche

 

Gruppo di lavoro Monitoraggio delle installazioni a pressione

 

Nuova norma “Monitoraggio dei parametri di esercizio di attrezzature a pressione

 

Nuova norma “Utilizzo di metodologie non convenzionali ai fini dell’esecuzione delle verifiche periodiche

 

Fonte: UNI


Contattaci per maggiori informazioni

La commissione CT 223 “Esercizio e dispositivi di protezione delle installazioni a pressione” del Comitato Termotecnico Italiano (CTI), ente federato all’UNI, che si occupa di attiv...

> Leggi tutto

IL PIANO INDUSTRIA 4.0 ATTENZIONE ALLA SCADENZA : Ultimi mesi a disposizione per accedere alle opportunità

 

  • Che caratteristiche devono avere le macchine e gli impianti per beneficiare del Piano nazionale Industria 4.0?

  • Per poter accedere all’iperammortamento, le macchine, linee ed impianti devono essere marcate CE?

  • Posso richiedere l’iperammortamento per la messa a norma o il revamping di macchine ed impianti già in uso?

  • La perizia giurata è obbligatoria?

 

Queste sono solo alcune delle domande che ci vengono poste più frequentemente.

Il Piano Industria 4.0, varato con la Legge di Bilancio 2017 (Legge 232/2016) e rinnovato con le Leggi di Bilancio 2018 e 2019, consente di avere una maggiorazione delle quote di ammortamento per una serie di beni previsti dalla norma.

Nel 2019 è stato introdotto un meccanismo a scaglioni differenziati sulla base degli investimenti effettuati, come riportato nella tabella seguente.

Valore investimenti (€) Quota Maggiorazione 2019
Inferiore a 2,5 milioni 270% 170%
Tra 2,5 milioni e 10 milioni 200% 100%
Tra 10 milioni e 20 milioni 150% 50%
Oltre 20 milioni 100% 0%

L’iperammortamento include i beni materiali elencati nell’Allegato A della Legge 232/2016; per beneficiare della maggiorazione i beni devono rientrare in appropriate categorie e rispettare determinate caratteristiche prefissate. Per chi beneficia di iperammortamento per almeno un bene è possibile godere di agevolazioni anche per gli acquisti di beni immateriali (ovvero software stand-alone), ricompresi nell’Allegato B alla stessa legge, che godono di superammortamento al 140%.

I due allegati A e B rappresentano una sorta di “lista della spesa” contenente una serie di punti, ciascuno corrispondente ad una classe di beni che può godere del beneficio fiscale introdotto. Ci sono naturalmente una serie di requisiti da rispettare, sia fiscali che tecnici.

Gli investimenti oggetto del beneficio riguardano l’acquisto di nuove macchine e impianti ma anche i lavori di ammodernamento, revamping e adeguamento alla sicurezza delle quasi-macchine, macchine e linee produttive nelle Fabbriche possono beneficiare degli incentivi previsti dalla Legge di Bilancio

Anche i lavori di adeguamento del parco macchine esistente e di messa a norma delle quasi-macchine e macchine possono beneficiare dell’incentivo nella misura in cui soddisfano la definizione contenuta nella Circolare 4/E e successivi chiarimenti, fornendo agli imprenditori un ulteriore e utile beneficio fiscale.

Gli imprenditori dovranno porre particolare attenzione quindi a mettere in campo gli investimenti in maniera adeguata, sia quelli in macchine nuove che su lavori di revamping e adeguamento di macchine esistenti, analizzando i requisiti tecnici e fiscali già in fase di ordine dei beni.

Attenzione alla scadenza

Si tratta di una misura di cui le imprese potranno beneficiare fino al 31 dicembre del 2019; ma applicabile anche agli investimenti realizzati entro il 31 dicembre 2020 a patto che si confermi l’ordine di acquisto con un acconto del 20% entro il 2019.

Contec Industry ti affianca in tutte le fasi del processo: dalla verifica dei requisiti degli investimenti alla realizzazione degli interventi di revamping e messa a norma fino alla marcatura CE delle macchine e impianti oggetto di interventi.

Lo staff di Contec Industry redige infine la perizia giurata obbligatoria per i beni con un costo di acquisizione superiore a 500.000 euro, ma fortemente consigliata anche per importi inferiori.


Contattaci per maggiori informazioni

Che caratteristiche devono avere le macchine e gli impianti per beneficiare del Piano nazionale Industria 4.0? Per poter accedere all’iperammortamento, le macchine, linee ed impianti devon...

> Leggi tutto

Inail e ISSA organizzano un seminario internazionale sui rischi emergenti legati a Industria 4.0

L’impulso all’innovazione tecnologica dato dal Piano Nazionale Industria 4.0 sta modificando gli stabilimenti produttivi italiani: gli investimenti puntano al miglioramento della produttività, alla manutenzione predittiva e ai controlli di qualità, con l’inserimento di linee automatizzate ed isole robotizzate.

In questo scenario è evidente che la velocità di sviluppo dell’innovazione tecnologica abbia dirette conseguenze sui lavoratori e sull’utilizzo in sicurezza di macchine, impianti e attrezzature. La tutela della salute e sicurezza richiede quindi un approfondimento per individuare i nuovi rischi connessi alle tecnologie che si stanno diffondendo, in ottica di sviluppare adeguate misure di prevenzione.

Con questo obiettivo InailDipartimento innovazioni tecnologiche e sicurezza degli impianti, prodotti e insediamenti antropici e ISSA (Associazione internazionale di sicurezza sociale) Section on Machine and System Safety hanno organizzato il prossimo seminario “Emergent risks in industry 4.0: innovative approaches for safety and security” che si terrà a Roma il 25 novembre 2019.

L’evento, che si svilupperà nell’arco dell’intera giornata, vede la partecipazione di relatori internazionali che interverranno su realtà aumentata, realtà virtuale,  cybersecurity, robot collaborativi, esoscheletri, green world e gestione dei near misses in ambito di direttiva europea “Seveso”.

Qui il programma del seminarioEmergent risks in industry 4.0: innovative approaches for safety and security”.

Fonte: ISSAInail


Il tema sicurezza e Industria 4.0 è già da tempo oggetto di attenzione e studio per Contec Industry, coinvolta come partner tecnico da Confindustria nell’ambito di ampi progetti formativi nazionali.

Interventi:

Prossimi interventi:

Verona 26 settembre 2019 – Confindustria Verona

Miglioramento dell’Ergonomia e dell’Efficienza con l’Uso di Robot Collaborativi Leggi i dettagli

L’impulso all’innovazione tecnologica dato dal Piano Nazionale Industria 4.0 sta modificando gli stabilimenti produttivi italiani: gli investimenti puntano al miglioramento della produtti...

> Leggi tutto

Apparecchi non elettrici in Atex: scadono le norme della serie EN 13463

Il prossimo 31 ottobre cesserà la presunzione di conformità delle norme della serie EN 13463 relative a Apparecchi non elettrici destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive.

Unico riferimento sul tema saranno quindi le norme EN ISO 80079-36 Metodo e requisiti di base ed EN ISO 80079-37 Tipo di protezione non elettrica per sicurezza costruttiva “c”, per controllo della sorgente di accensione “b”, per immersione in liquido “k”, entrare in vigore nel 2016.

Le EN ISO 80079 parte 36 e 37 forniscono indicazioni sulla progettazione, costruzione, prova e marcatura di apparecchi Ex, Componenti Ex, metodi di protezione, dispositivi non elettrici ed assemblaggi di questi prodotti che hanno sorgenti potenziali di accensione proprie e che sono destinati ad essere utilizzati in atmosfere esplosive.

Per acquistare la norma segui il link sul sito UNI

Fonte: UNI


Contattaci per maggiori informazioni

Il prossimo 31 ottobre cesserà la presunzione di conformità delle norme della serie EN 13463 relative a Apparecchi non elettrici destinati ad essere utilizzati in atmosfere potenzialmente e...

> Leggi tutto